Senza Cipollata : Un libro ripieno di Sicilia

Senza Cipollata - Sicilia

Senza cipollata, di Giuseppe Imburgia e Agata Polizzi, Spazio Cultura Edizioni
ho scoperto questo libro, quasi per caso, devo dire che il titolo incuriosisce , ma cela quanto di meraviglioso c’e in questo libro. Anche la copertina devo dire porta inizialmente fuori strada, ma alla fine della lettura appare come l’estrema sintesi del romanzo.
Si respira l’aria di Sicilia , si vedono i suoi colori , si sentono i sapori dei sui piatti e per un siciliano è un ripercorrere scene della propria vita. Si è vero, un siciliano si sente a casa!
Nel libro l’odore di gelsomino che fuoriesce mitiga il sapore acre delle lacrime che bagnano le sue pagine. L’autore riesce a mettere assieme modernità e tradizioni legate a questa Sicilia cosi contraddittoria. Lui sapientemente fa entrare in scena i personaggi con compiti e tempi ben precisi , e ognuno di essi da il suo contributo alla realizzazione della trama. Non esistono personaggi più o meno importanti , che non raccontano , o sono di contorno, ma come un puzzle ognuno di loro è fondamentale al completamento della scena, e portano con se una propria identità e una loro storia. Come un orchestra ogni musicista contribuisce alla realizzazione dell’opera musicale , solo che in questo libro a suonare sono le corde dell’anima. Ciccio Borzi con la sua personalità riesce a decidere sia il suo destino che delle persone a cui vuole bene. Si , è un pò  azzardato dire che le sue idee condizionano la trama e il finale, ma in questo libro è lui che decide , che agisce ma sa anche prendersi le sue responsabilità. Non è un uomo cattivo, anzi esattamente il contrario, rappresenta la bontà di noi siciliani che abbiamo sempre subito e non siamo stati mai artefici del nostro destino. Questa bontà viene amplifica e sapientemente miscelata negli affetti familiari, ma non voglio svelare la trama , ma è un buon libro per chi vuole conoscere la Sicilia e i siciliani, quelli buoni, quelli che sorridono, quelli che non si arrendono mai nonostante le avversità, quelli che si sentono ricchi guardando il luccichio del mare.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*