Il pan d’arancia : un antica ricetta delle suore benedettine

Pan d'arancia

Il pan d’arancio è un dolce siciliano di antichissime origini, sembrerebbe che sia stato inventato dalle suore del convento dei benedettini di Catania. Facendo delle ricerche non si riesce a trovare molto , quindi per sincerità di narrazione mi limito a dire ciò che ritengo sia veritiero.
Sicuramente è un dolce semplice da fare e che parla molto della sicilia, vedi la presenza delle mandorle e delle arance. La particolarità del dolce è che si prepara utilizzando delle arance prese con l’intera buccia, questo sicuramente trasferisce un bagaglio aromatico che nessun essenza può emulare, specialmente se le arance sono state appena raccolte e sono bio.
Io ho questa fortuna , nel giardino sotto casa ci sono parecchi alberi di arance quindi quando vedo maturare le arance e vedo accendere quelle palline arancione non vi nego che scappo subito a raccoglierle per realizzare questo dolce cosi profumato. Eh si lo so vi sto facendo venire voglia di realizzarlo pure a voi , e allora non perdiamo tempo eccovi la ricetta del mio pan d’arancia e mi raccomando se lo realizzate mandatemi le foto , sono sempre felice di sapere che qualcuno riesce a portare un pezzo di sicilia realizzando questo dolce.

Ricetta del pan d’arancia

Ingredienti

1 Arancia
200 gr di mandorle 
100 gr di farina 00
3 Uova
100 ml di olio di semi di girasole
300 gr di zucchero semolato
1 bustina di lievito per dolci

Per la decorazione

Zucchero a velo
Scorza di arancia

Preparazione

Iniziamo con il frullare le arance con tutta la buccia con un mixer o robot da cucina.
Procediamo con il tritare le mandorle finemente e teniamole da parte.
In una ciotola iniziamo a frullare i tuorli e lo zucchero fino ad ottenere una crema omogenea.
Incorporiamo  le mandorle tritate e la farina, poco alla volta e mescoliamo fino a quando il composto non risulta omogeneo. Aggiungiamo adesso l’arancia e il lievito per dolci.
A parte montiamo a neve i bianchi delle uova e poi li uniamo al composto preparato in precedenza facendo attenzione a non smontare i bianchi con un movimento lento e dolce dal basso verso l’alto. Sempre mescolando addizioniamo l’olio di semi a filo.
Adesso il nostro composto è pronto per essere cotto , versiamo il tutto in una teglia imburrata e infarinata. Spargiamolo in modo uniforme per tutta la superficie
Inforniamo a forno statico a 180°c per 30 minuti
Dopo averla estratta dal forno lasciatela raffreddare , completate con dello zucchero a velo e con scorza d’arancia secondo la vostra fantasia.
Io ho realizzato il disegno di spicchi di arancia , utilizzando uno stencil trovato in rete 

Arancia Stencil

ho stampato su cartoncino il disegno  , ho ritagliato gli spicchi in modo da metterli in posizione per spolverare lo zucchero a velo, poi ho rimosso gli spicchi e ho completato con scorza di arancia.

Informazioni su Michelangelo 78 Articoli
Sono Michelangelo, non sopporto chi usa storpiare il mio nome, Classe 1973, sistemista Informatico fuggo dal mio lavoro molto rigido e schematico per tuffarmi nel mondo culinario dove con pillole di fantasia provo a raccontare i miei stati emozionali ! Partendo dal postulato che ogni piatto racconta una storia e da una storia può nascere un piatto, provo a raccontare la mia Sicilia attraverso i suoi tesori enogastronomici. Sono un curioso di natura, testardo e amo sperimentare personalmente i miei piatti cercando di rimanere nell’ambito della tradizione. Sono convinto che se si rivisita un piatto va chiamato in un altro modo poichè inizia un altra storia. Muovo i primi passi da Food blogger nel 2015, iniziando così per gioco , ma la passione ha preso il sopravvento trasformando il gioco in qualcosa di più serio, dando alla luce il progetto “Cibo e Leggende” , dove racconto le leggende e le storie legate al cibo e le mie esperienze in ambito food.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*