Salsiccia e cavolicelli ovvero Caliceddi e sasizza : la ricetta siciliana

Salsiccia e cavoliccelli

Cavolicelli e salsiccia : un piatto molto aprezzato dagli amanti di verdure spontanee

Per chi non conosce cosa sono i cavoliccelli, sono una verdura spontanea che cresce in diverse zone della Sicilia. In Sicilia vengono chiamati con tanti nomi tra cui cavolicelli, caliceddi, Caluceddu, Quaricellu.
Un verdura che se lessata e basta, risulta quasi immangiabile, poichè è amarissima. Si riesce a mitigare il suo sapore deciso cucinandola insieme a della salsiccia, che permette di far apprezzarne e far risaltare il suo sapore particolare.
La tradizione vuole che per il giorno di San Martino, ovvero l’11 Novembre si cucini sasizza e caliceddi, specialmente nella tavola dei catanesi. Mentre a Palermo si cucina pasta e cavolicelli, ma è più una tradizione della Sicilia orientale. 
Io per rispettare la tradizione ho sondato le mie conoscenze catanesi e mi sono fatto raccontare come si cucinano, ho provato a rifarli per voi. Il piatto l’ho gustato scegliendo una salsiccia semplice e non condita in modo da non alterare molto i sapori.
Vediamo adesso come si cucinano

Se vuoi un altra ricetta con le verdure spontane siciliane ti consiglio di dare una sbircitina anche a questa ricetta : Giri Assassunati

Sasizza e Caliceddi (Salsiccia e Cavolicelli)

Ingredienti

1 Kg di caliceddi (Cavoletti selvatici)
6 nodi di salsiccia
2 spicchi d’aglio
olio evo
sale
pepe

Procedimento

Iniziamo con il pulire i caliceddi, eliminando la parte legnosa, in abbondante acqua. Io li metto nel lavello e riempio con dell’acqua, e risciaquo abbondantemente fino a quando l’acqua risulta pulita e non ci sia presenza di terra.

Lessiamo adesso i caliceddi in acqua bollente per una decina di minuti e mettiamoli da parte all’interno di uno scolapasta.
In una padella facciamo dorare l’aglio tagliato a piccoli pezzetti con olio evo e poi uniamo i caliceddi appena lessati. 
Aggiustiamo di sale e  lasciamo soffriggere per cinque minuti rimestando con un cucchiaio di legno, in modo che la verdura si possa insaporire e rilasci un pò delle sostanze che la rendono particolarmente amara.
A parte In un’altra padella cucinare la salsiccia con un filo d’olio, occorre punzecchiarla ogni tanto per farla cuocere nel suo grasso.
Appena cotta la uniamo ai caliceddi e lasciamo andare per qualche minuto per insaporire il tutto.
Servire caldi e con un filo d’olio a crudo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*