Giri assassunati : un piatto semplice con verdure spontanee

giri assassunati

Giri assassunati – una ricetta di origine ebraica ottima per insaporire le insipide verdure lessate.

I giri, sono delle verdure spontanee, si trovano al mercato ma si possono anche trovare a macchie lungo i pascoli siciliani. Sono fondamentalmente delle bietole selvatiche, caratterizzata una costa sottile e lunga e dalle foglie larghe di colore verde intenso.
Tra le tante ricette che si possono realizzare ve ne voglio proporre una semplicissima per creare un contorno gustoso con pochissimi ingredienti.
Il mese di Novembre a casa mia c’è sempre l’olio extravergine d’oliva nuovo, corposo e pizzicante data la sua giovinezza, e quindi quale migliore occasione per utilizzarlo, per valorizzare questo piatto dalle antiche origini? 
I giri assassunati, nascono da una salsa di origine ebraica appartenente alla tradizione kosher, ma l’appellativo “assaissonner” fu dato dai Monsù che la utilizzarono per insaporire le insipide verdure lessate.
Una ricetta semplicissima ma dal sapore intenso dato dalla mistura di aglio e olio evo.
Oltre ai giri , si possono fare assasunate in generale tutte le verdure come i broccoli, sparacelli,  fagiolini

 

Giri assassunati

Ingredienti

10 mazzetti di Giri (Biete Selvatiche)
2 spicchi d’aglio
olio evo
sale
pepe

Procedimento

Iniziamo con lavare abbondantemente i giri, dopo aver selezionato le foglie più verdi, lasciateli qualche minuto in acqua in modo da eliminare ogni residuo di terra.
Lessiamo adesso i Giri per una decina di minuti in acqua salata, scolateli  e conserviamo un po’ di brodo di cottura.
In una padella facciamo soffriggere qualche spicchio d’aglio privato delle camicia in olio di oliva, appena imbiondito aggiungiamo le verdure lessate insieme al brodo di cottura messo precedentemente da parte, e lasciamo insaporire per una decina di minuti.
Aggiustate a vostro piacimento con sale e pepe.
Gustare e servire ben caldi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*